ACCIAIO

ACCIAIO DURO

L’acciaio, grazie alle sue innumerevoli possibilità di applicazione, è diventato sempre più un elemento imprescindibile per l’industria meccanica moderna. Basti pensare che senza la disponibilità di acciaio in quantità e a basso costo, la rivoluzione industriale non sarebbe stata possibile. Esso, pur essendo una lega composta principalmente da elementi semplici come ferro e carbonio, può essere prodotto in vari modi, che ne modificano la struttura chimica e le sue caratteristiche. È ormai possibile ottenere acciai adatti ad ogni scopo. Nel corso del tempo infatti le tecniche di produzione dell’acciaio si sono perfezionate e diversificate. Per questo motivo oggi esistono molteplici tipologie di acciai, ciascuna relativa a diverse esigenze progettuali e di mercato.

La L.I.T.D.® è in grado di effettuare operazioni di rettifica sui diversi tipi di acciaio, impiegando diverse tecnologie (rettifica in tondo e rettifica in piano) in funzione del tipo di lavorazione da effettuare sul particolare.

Per la lavorazione di superfici cilindriche, coniche o sagomate, sia interne che esterne, vengono impiegate macchine rettificatrici in tondo. Normalmente questo tipo di rettifica si esegue montando il pezzo su un mandrino, che ruota lentamente nello stesso senso della mola e che al tempo stesso esegue anche un moto di traslazione (alimentazione assiale). La mola ruotando velocemente asporta il materiale in eccesso, in funzione della granulometria e/o del tipo di finitura richiesto.

Per lavorare invece superfici piane si utilizzano rettificatrici che possono essere divise in due categorie, in base alla posizione della mola: rettificatrice tangenziale o rettificatrice frontale. Nella rettifica tangenziale l’albero portamola è parallelo al piano che viene lavorato: in questo caso è la fascia periferica della mola ad asportare materiale. Nella rettifica frontale invece l’albero è perpendicolare al piano che viene lavorato, perciò la mola viene utilizzata frontalmente.